Manutenzione con ricambi folletto

I moderni aspirapolvere sono veloci e facili da mantenere; Devono fornirci anni di servizio utile. Vale la pena spendere qualche minuto per cambiare o svuotare la borsa e controllare periodicamente il filtro per mantenerlo funzionante in modo efficiente, e ovviamente quando è necessario utilizzare per la manutenzione ricambi folletto originali.

  • Elementi essenziali
  • Borsa pulita (se necessario)
  • Filtro pulito
  • Tessuto in microfibra
  • Bastoncino di bambù

Passo dopo passo per mantenere l’aspirapolvere

1. Cambia o svuota la borsa quando è piena. Esegui questa attività all’aperto o in un’area ben ventilata e segui le istruzioni del produttore.

2 . Controllare periodicamente il filtro e modificarlo se necessario secondo le istruzioni del produttore. Verificare che non ci siano sprechi perché il vuoto funzioni in modo efficace.

3. Controlla la spazzole una volta al mese. Rimuovere le tracce di filo o capelli che si accumulano sulle spazzole e pulirle con un panno in microfibra umido per tenerlo pulito.

4. Se non aspira bene, è possibile che il tubo dell’aspirapolvere sia intasato. Per sbloccarlo, inserisci delicatamente una canna di bambù. Se usi la forza, rischi di danneggiarla.

Anche se non porti una borsa, devi anche svuotare gli aspirapolvere esistenti. Svuotare il contenitore della polvere quando è pieno in tre quarti ; lavalo di tanto in tanto e lascialo asciugare. Devi anche pulire il filtro. Si consiglia di farlo ogni volta che si svuota il deposito di polvere.

Prenditi cura anche di fuori. Ogni tanto staccate la spina e fate scorrere le ruote con un panno pulito per rimuovere lo sporco che lascia tracce sui tappeti e la grana che graffia i pavimenti in legno. Se si utilizza l’aspirapolvere esterno per pulire l’interno dell’auto, posizionarlo su un tappetino di gomma per impedire alle ruote di raccogliere sporco e sabbia.

Ogni persona ha le proprie preferenze. Per questo motivo molte marche sviluppano diversi modelli a seconda dei diversi tipi di aspirapolvere senza sacchetto o senza sacchetto (sledding, scopa, aspirapolvere manuale, ecc.). Scegliere tra i diversi modelli è difficile come sapere come funziona un aspirapolvere senza sacchetti. Per ulteriori informazioni sui modelli che abbiamo analizzato potete cliccare qui.

Si dovrebbe anche sapere che l’ aspirapolvere non è un dispositivo perfetto. Possono sorgere problemi, come abbiamo discusso la settimana scorsa, e occasionalmente è necessaria la manutenzione. In questa guida vi offriamo alcuni suggerimenti per la manutenzione dell’ aspirapolvere.

Evitare i cattivi odori di un aspirapolvere con o senza sacchetto

Anche in questo decennio di successo senza sacchetti, l’ aspirapolvere per sacchi continua ad essere presente nelle nostre case. Questo tipo di aspirapolvere, tuttavia, non è molto rispettoso dell’ ambiente e talvolta emette odori. Vi daremo alcuni consigli in modo che il sacco del vuoto non emetta odori sgradevoli.

La prima tecnica consiste nell’ aspirare l’ essenza della lavanda o di un altro profumo.

Per fare questo, è sufficiente spargerlo su un pezzo di carta e aspirarlo. La fragranza si diffonde attraverso il condotto d’ aria aspirato nel sacchetto.

La seconda tecnica è quella di utilizzare il deodorante per l’ aria nebulizzata domestica.

Accendere l’ aspirapolvere e spruzzare il tubo di aspirazione.

La terza tecnica è piuttosto radicale, in quanto consiste nel versare uno o due cucchiai di detersivo per piatti o ** sale profumato** direttamente nel sacchetto. Questo coprirà gli odori.

Mantieni l’ aspirapolvere sempre affidabile

Per prolungare la durata dell’ aspirapolvere senza sacco o insaccato, è necessario effettuare frequenti interventi di manutenzione dei componenti. Prima di rimuovere e pulire l’ aspirapolvere, assicurarsi che sia scollegato dalla presa.

Se non sai come smontare, consulta le istruzioni del produttore. Fare riferimento alle istruzioni e/o al modello del produttore dell’ aspirapolvere.

Manutenzione filtri

Il filtro è una parte importante dell’ aspirapolvere senza sacco o senza sacco. Conserva le particelle più fini per prevenire la creazione di una reazione allergica in alcune persone.

D’ altra parte, se il filtro trattiene troppa polvere, può intasarsi e le prestazioni del dispositivo ne risentono. Essi devono pertanto essere regolarmente mantenuti.

Per aspirapolvere con sacco:

Gli aspirapolvere a sacco contengono un filtro motore che impedisce alle particelle di polvere di raggiungerlo e danneggiarlo.

Per aspirapolvere senza sacco:

La manutenzione del filtro dell’ aria di scarico deve essere eseguita almeno una volta all’ anno.

I filtri lavabili sono rimovibili e lavabili con acqua calda e asciugati ad aria.

I filtri non lavabili devono essere sostituiti.

Il filtro del motore viene sostituito raramente.

Il filtro del contenitore della polvere deve essere pulito quando è sporco.

Alcuni aspirapolvere sono dotati di una luce che indica che il filtro è sporco. Questo indicatore è utile per evitare l’ inutile apertura del serbatoio.

Manutenzione della borsa

Alcuni sacchi possono essere sostituiti e altri devono essere lavati regolarmente per essere nuovamente efficaci.

Quando il sacchetto viene riempito al 75% del suo volume, è importante sostituirlo o lavarlo per mantenere costante la potenza di uscita dell’ aspirapolvere.

Per evitare di essere invaso da una nuvola di polvere quando il sacchetto viene svuotato, è preferibile farlo su un balcone, giardino o direttamente nel cestino.

Mantenimento del deposito dei rifiuti

In un aspirapolvere senza sacco, il deposito di polvere non richiede una pulizia frequente. Tuttavia, deve essere svuotato e pulito ogni sei mesi. È importante svuotare il serbatoio e fare attenzione a scaricare la polvere sulla spazzatura. Le persone allergiche possono soffrire durante questa manipolazione.

Elementi in caso di guasto

Gli aspirapolvere sono di solito un dispositivo solido, in quanto durano a lungo. Tuttavia, non siete mai al sicuro da guasti o problemi che potrebbero causare danni.

Esempi di casi che possono verificarsi:

L’ aspirapolvere normalmente non aspirapolvere. Notiamo che non prende la polvere. Le cause possono essere da ricercare in un componente ostruito (tubo o tubo). Può anche essere un sacco molto pieno o un filtro difettoso.

Se il filtro è intasato, l’ aria non può più fluire nel motore. Se il sacchetto si rompe o si stacca dal supporto, la polvere entra direttamente nel motore e lo danneggia rapidamente. In entrambi i casi, il motore è surriscaldato e dobbiamo fermare immediatamente l’ aspirapolvere e scollegarlo.

Se l’ apparecchio è in garanzia, le parti di ricambio possono essere sostituite gratuitamente in caso di rottura o l’ apparecchio può essere sostituito con uno nuovo.

 

Passeggini BREVI omologati: sappiamo cosa compriamo?

È sempre più comune che nelle combinazioni di molti modelli di passeggini BREVI troviamo custodie rigide cosiddette omologate. Questi cesti possono essere molto attraenti a prima vista perché invece di tre elementi (sedile, culla e gruppo 0) abbiamo solo due elementi che svolgono la stessa funzione, che di solito sono più economici. Tuttavia, questi cesti hanno un grosso svantaggio, SONO MENO SICURI rispetto a un gruppo 0 tradizionale.

Ma cosa significa che una navicella è “omologata”? Beh, indica semplicemente che la culla portatile soddisfa i requisiti minimi stabiliti dagli organismi competenti, in particolare deve essere conforme alla norma europea di sicurezza ECE R44 / 04. La prima cosa da verificare, quindi, è che la navicella o il seggiolino auto rispettano questo standard, per questo è necessario avere un’etichetta arancione come quella nella foto.

 Approvazione ECE R44 / 04 per seggiolini di sicurezza per bambini Questo standard include una serie di test che la sella o la navicella devono superare:

  • Un crash test frontale a 50 km / h
  • Un test di retrotreno a 30 km /h.
  • Diverse test sulla fibbia del sedile, per verificare che possa essere aperto facilmente dopo un incidente ma, allo stesso tempo, non è troppo facile da aprire per un bambino (per evitare fino al limite di possibile il bambino stesso si sgancia.)
  • Un’analisi del design del sedile, per assicurarsi che non ci siano spigoli vivi o parti rigide senza protezione
  • Uno studio della cintura di sicurezza o dell’imbracatura, per verificare che possa adattarsi saldamente alla carnagione dei bambini d e diverse altezze e pesi.
  • Altri requisiti come il comportamento al fuoco dei materiali, la resistenza alla corrosione delle parti metalliche, la tossicità dei vari componenti …

Questi test, come potete vedere, assicurano solo che il bambino non venga salzato dalla navicella ma non assicura che il bambino sia adeguatamente immobilizzato. Inoltre, lo standard non include alcun test di impatto laterale.

Molti carry-on approvati tengono il bambino solo per la vita, e quando viaggiano sdraiati, in caso di incidente frontale, la testa del bambino colpisce le pareti della navicella. D’altra parte, la cintura esercita una pressione sul torace e il collo non può sostenere il movimento improvviso e incontrollato della testa. I seguenti video mostrano come si comporta il corpo del bambino quando si verifica uno shock:

Sebbene non obbligatorio, il DGT consiglia che i bambini viaggiano nella direzione opposta alla marcia, se possibile, fino a quattro anni. È chiaro che non rispettiamo questa raccomandazione con le culle omologate.

Una volta verificato che dal punto di vista della sicurezza la navicella omologata non è adatta, solo la credenza, nella quale ho incluso me stesso, è a favore della il bambino è più a suo agio teso rispetto al gruppo 0. Beh, non è altrettanto chiaro, dato che i carry-on approvati, in generale, non soddisfano bene la funzione di una navicella tradizionale, che fondamentalmente è guardare il più vicino possibile a una mini culla . Mentre è vero che il bambino è più disteso, i cesti omologati non sono né comodi né traspiranti, che possono essere i normali cestini. In generale, le sue dimensioni interne sono più piccole, dal momento che il rivestimento in polistirolo e l’imbottitura occupano molto spazio; Inoltre, i tessuti devono essere ignifughi in modo che non siano traspiranti. In breve, sarà presto piccolo e sarà caldo d’estate e freddo d’inverno; Non incontriamoci come una navicella.

Per quanto possiamo, come riassunto, traiamo le seguenti conclusioni:

  1. Per guidare il bambino nei suoi primi mesi è meglio usare una navicella tradizionale che sarà più spazioso, confortevole e traspirante di uno approvato.
  2. Per spostarsi in auto, il migliore gruppo 0 in cui il bambino si semi-sazietà e si mette con le spalle alla marcia (la posizione più sicura). In questo modo, in caso di shock, la parte posteriore della navicella protegge la testa e il collo e assorbe l’impatto, impedendo all’imbracatura di premere sul torace. Inoltre, possiamo lasciarlo fisso in macchina e in questo modo ci assicuriamo che sia sempre posizionato correttamente.
  3. La ​​navicella omologata verrà utilizzata solo su prescrizione medica o, nel caso di bambini con bisogni speciali come neonati prematuri o con problemi respiratori, a chi il gruppo 0, a causa della posizione semi-seduta, potrebbe causare un arresto respiratorio con conseguenze fatali per il bambino.